lunedì 4 ottobre 2010

Borse in rosso, Euribor in crescita

Giornata negativa quella odierna per tutti i listini azionari europei ed americani . In una seduta intonata fin dalle prime battute al ribasso il Ftse Mib ha perso 1,47% a quota 20090 punti. Durante tutta la giornata l'indice italiano ha mostrato una notevole debolezza ma per il momento è rimbalzato sull'importante  supporto dei 20000 punti. 
Da un punto di vista macroeconomico la seduta odierna è stata caratterizzata da alcuni dati macroeconomici americani: 
Le vendite di case con contratti in corso sono salite del 4,3% nell'ultimo mese, dato migliore delle attese degli analisti ma l'andamento su base annuale resta estremamente negativo (-20,1%).
Altro dato della giornata è stato quello sugli ordini alle fabbriche americane. Nell'ultimo mese sono calate dello 0,5% ( il mese precedente questo indice aveva registrato un + 0,5%) . Tale dato è stato accolto in maniera negativa dai mercati in quanto esprime per l'ennesima volta che la situazione economica non è in ripresa ma anzi si sta aggravando. 
Quello che però mi ha colpito quest'oggi sono state le variazione dell'Euribor
Come molti sapranno l'Euribor esprime l'andamento del mercato interbancario, in pratica se le banche si prestano reciprocamente denaro o meno. Quando i tassi Euribor salgono vuol dire che c'è qualche tensione in questo mercato e anche i mercati finanziari se ne accorgono. 
In particolare i rendimenti dell'Euribor a 1 settimana e a 1 Mese sono saliti in maniera violenta quest'oggi con rialzi superiori al 3% dai valori di ieri. Tuttavia anche l'Euribor a 3 Mesi è salito nettamente portandosi allo 0,953%. 
Personalmente presto molta attenzione a questi valori perchè se la situazione dovesse aggravarsi le borse potrebbero subire gravi perdite nelle prossime settimane. Credo che il mercato interbancario in questo momento risenta dei problemi delle numerose banche europee in difficoltà ( in particolare di quelle Irlandesi e Spagnole ma anche di quelle della Grecia e del Portogallo). 
Vedremo nei prossimi giorni cosa succederà. Nel frattempo l'indice Dow Jones scende dell'1,1% a quota 10711 punti sui minimi di seduta. 

1 commento:

  1. Condivido pienamente Beppe-Turbo!
    ROARRRRRRRRRRRRRR

    Occhio poi alle prox trimestrali USA! SI BALLA!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina