giovedì 10 febbraio 2011

Prima il crollo, poi il recupero...Milano limita i danni!

Giornata dalle forti emozioni per i risparmiatori italiani oggi. Questa mattina l'indice Ftse Mib dopo una apertura in lieve ribasso si era spinto fino a 22300 punti (-1,65%), ma poi nel corso del pomeriggio, complice il recupero di Wall Street, è riuscito a limitare i danni, chiudendo a quota 22596 punti in calo dello 0,38%. Si tratta del terzo ribasso consecutivo per Milano e la seduta di domani sarà molto importante da un punto di vista grafico poichè potremmo assistere a due scenari. Il primo, una netta inversione di tendenza di breve-medio periodo con una chiusura al di sotto dei 22300 punti e successivi target ribassisti a 22100-22000 punti. Il secondo scenario invece è un nuovo rally azionario con target intermedio di 22800 punti e successivamente 23000 punti. 
Graficamente parlando è eloquente il supporto chiave dei 22300 punti, doppio minimo odierno dal quale le quotazioni sono ripartite con vigore nell'ultima ora di contrattazioni. Vedremo se gli acquisti continueranno anche nella giornata di domani.
Da un punto di vista macro, quest'oggi i dati sono stati alquanto altalenanti. Da una parte la produzione industriale italiana è salita solo dello 0,3% nell'ultimo mese ( il dato precedente era stato +1,5%) mentre dati positivi sono arrivati dagli Stati Uniti. Le richieste dei sussidi di disoccupazione sono calate a 383 mila unità ( meglio delle attese di 413 mila unità) e soprattutto le richieste di disoccupazione continua sono calate a 3.888 mila unità ( dato anche questo migliore delle attese). 
Nessuna sorpresa sul fronte dei tassi Inglesi, lasciati anche oggi allo 0,50% nonostante l'inflazione a dicembre sia risultata piuttosto elevata (+3,7%). 

1 commento:

  1. io dico che il mondo va avanti ,e i mercati prima o poi saliranno .....e di molto !!!!!

    RispondiElimina