domenica 1 maggio 2011

Dopo 7 sedute in rialzo Milano si trova ad un bivio

Settimana positiva per la borsa di Milano: Il Ftse Mib ha guadagnato il 2,78% in sole quattro sedute chiudendo a quota 22418 punti. 
Dopo aver inanellato una serie di 7 rialzi consecutivi l'indice Milanese si conferma il migliore indice Europeo da inizio dell'anno con un rialzo dell'11,1%. Graficamente parlando la situazione appare in miglioramento dalle settimane precedenti ma la resistenza posta a 22500-22600 punti appare come un punto  di svolta molto significativo. Su questo livello probabilmente si assisterà ad un'impennata della volatilità. Infatti qualora le quotazioni dovessero bucare questo livello potremmo assistere ad un rapido ritorno a quota 23000-23200 punti con i titoli bancari che potrebbero tornare molto interessanti. A supporto di tale ipotesi c'è un solido canale rialzista innescatosi da dicembre 2010 con minimi crescenti (19000 punti a dic-10, 20000 a gen-11, 20800 a mar-11, 21100 a apr-11).  
Il secondo scenario invece potrebbe essere un test di questo livello e un successivo ritorno delle quotazioni verso il basso con target 21500-21300 nel corso delle prossime sedute. 
Difficile capire cosa potrà accadere anche perchè con le ultime tensioni dovute alla guerra in Libia il sentiment degli investitori potrebbe rapidamente cambiare. 


Ben diversa la situazione grafica del Dow Jones:


Come è possibile osservare negli ultimi giorni il Dow Jones si è portato sui nuovi massimi dell'anno chiudendo a quota 12810 punti. La rottura dei massimi precedenti attorno ai 12500 punti ha innescato numerosi acquisti che hanno dato un nuovo impulso rialzista al mercato. Si può notare come i prezzi tendano a salire all'interno di un canale rialzista partito a luglio 2010. Con la chiusura di venerdì i prezzi sembrano aver raggiunto la parte superiore di questo canale. Quando questo si è verificato, le quotazioni hanno subito una certa inversione di breve periodo. La situazione di ipercomprato, con lo stocastico che ha raggiunto quota 97,42, mi induce a pensare ad un'imminente correzione tecnica dell'1-2%. In caso contrario l'indice americano potrebbe continuare la propria cavalcata verso il target dei 13000 punti. 

Vedremo cosa accadrà domani ma nel frattempo vi auguro una buona domenica. 

Nessun commento:

Posta un commento