lunedì 18 luglio 2011

Ancora un bagno di sangue per il Ftse Mib: -3,06%


Ancora una volta la settimana si apre nel peggiore dei modi per i risparmiatori italiani. A fine seduta il Ftse Mib ha accusato un calo del 3,06% a quota 17885 punti. Molto colpito tutto il settore bancario e assicurativo con molti titoli che sono stati sospesi nel corso della seduta (Unicredit, Intesa San Paolo). 


Già in mattinata questo comunicato era stato poco rassicurante: 

"Borsa Italiana ha comunicato che la negoziazione su alcuni strumenti quotati sui mercati ETF, SeDeX e MOT resterà sospesa per il resto della seduta odierna.Tali strumenti sono sospesi già dalle prime ore della mattina". 

Il mercato è preda in questo momento di ondate speculative e di panico diffuso, dovuto in particolare all'ampliamento dello spread tra Btp e Bund ( salito in questo momento a 330 punti). 

Graficamente la situazione appare compromessa su tutti i time frame considerati, e sembra che il mercato possa ancora continuare a scendere nelle prossime sedute verso i 17500 punti e successivamente verso i 17300 e 17000 punti.Tuttavia, l'elevato livello di ipervenduto raggiunto, potrebbe innescare in ogni momento un importante recupero delle quotazioni.

Da un punto di vista macro, ho realizzato delle tabelle sull'andamento del debito pubblico italiano dal 2000 ad oggi, dando maggior spazio ai dati del 2010 e del 2011. 

Debito Publico Italiano

Valore in €
Variazione annua
Variazione % annua
2000
1.300.341
26.967

2001
1.358.333
57.992
4,46%
2002
1.368.512
10.179
0,75%
2003
1.393.495
24.983
1,83%
2004
1.444.604
51.109
3,67%
2005
1.512.779
68.175
4,72%
2006
1.582.009
69.230
4,58%
2007
1.598.971
16.962
1,07%
2008
1.663.452
64.481
4,03%
2009
1.761.229
97.777
5,88%
2010
1.843.227
81.998
4,66%
mag-11
1.897.472
54.245
2,94%
Variazione 2000-2011

624.098

Variazione % 2000-2011

45,92%



Dal 2000 a maggio 2011 il debito pubblico italiano è cresciuto di oltre 624 Miliardi di euro , pari al 45,92%  .


Pil
Deficit/pil
Debito/pil
2000
1.191.057
2,26%
109,18%
2001
1.248.648
4,64%
108,78%
2002
1.295.226
0,79%
105,66%
2003
1.335.354
1,87%
104,35%
2004
1.391.530
3,67%
103,81%
2005
1.429.479
4,77%
105,83%
2006
1.485.377
4,66%
106,51%
2007
1.546.177
1,10%
103,41%
2008
1.567.851
4,11%
106,10%
2009
1.520.870
6,43%
115,80%
2010
1.548.816
5,29%
119,01%
2011 (stima)
1.566.000
3,46%
121,17%

Nella seconda tabella si può notare che il deficit/Pil è stato sempre positivo in questi ultimi anni e il rapporto debito/pil è salito dal 103,8% del 2004 al 121,1% nel 2011 (valore da me stimato con una crescita del pil dell'1,1% a  fine anno).  



Debito Publico Italiano

2010
Variazione mensile
Gennaio
1.788.196
26.967
Febbraio
1.795.132
6.936
Marzo
1.797.808
2.676
Aprile
1.812.864
15.056
Maggio
1.827.181
14.317
Giugno
1.822.050
-5.131
Luglio
1.838.296
16.246
Agosto
1.843.006
4.710
Settembre
1.844.817
1.811
Ottobre
1.867.398
22.581
Novembre
1.869.924
2.526
Dicembre
1.843.227
-26.697
Variazione 2010

81.998

Guardando in dettaglio l'evoluzione del debito pubblico nel 2010 si può osservare una crescita in tutti i mesi dell'anno tranne in giugno e dicembre (momenti dell'anno in cui bisognava riportare i conti pubblici momentaneamente in ordine). 
Tuttavia nel mese successivo a questi aggiustamenti ( luglio 2010 ) e (gennaio 2011) si è verificata una vera impennata del debito pubblico italiano. Infatti a luglio 2010 il debito è salito di ben 16,2 miliardi e a gennaio 2011 di ben 36,7 miliardi di euro. 

Per la cronaca il debito pubblico a maggio 2011 ha raggiunto il suo nuovo record storico a quota 1897,472 Miliardi di euro


Debito Publico Italiano

2011
Variazione mensile
Gennaio
1.879.955
36.728
Febbraio
1.875.972
-3.983
Marzo
1.868.060
-7.912
Aprile
1.890.516
22.456
Maggio
1.897.472
6.956
Giugno


Luglio


Agosto


Settembre


Ottobre


Novembre


Dicembre


Variazione 2011

54.245

Nessun commento:

Posta un commento