sabato 10 settembre 2011

Bilancio Settimanale per piazza affari:-6,9%

Settimana da dimenticare per la borsa di Milano. Da lunedi 5 settembre a venerdì 9 settembre l'indice Ftse Mib ha accusato un calo del 6,9% chiudendo a quota 14020 punti, portando il bilancio da inizio dell'anno ad un preoccupante -30,5%. 
Settimana negativa anche per gli altri indici italiani: FTSE Italia Mid Cap (-5,6% a 18.831 punti) e FTSE Italia STAR (-4,56% a 9.475 punti).
Drammatico il calo dei titoli bancari e assicurativi ed industriali: 
Unicredit ( -14,2%), a seguito delle indiscrezioni di un possibile aumento di capitale; Intesa-San paolo (-13,3%) e Fondiaria sai ( -13%); Fiat industrial (-12,5%).Unico titolo positivo Enel Green Power che ha chiuso la settimana con un timido +0,2%. 



Dal 17 febbraio 2011, l'indice Ftse Mib è passato da 23178 punti a 14020 punti, accusando un calo del 40% in poco più di sei mesi. 
Da quando seguo i mercati azionari (dal lontano 1998) non ricordo cali così violenti in un così breve lasso temporale se non nella crisi del 2008:
l'indice passò da 34547 punti ( il 7/5/2008) a 17968 ( il 5/12/2008) accusando un calo del 48% in 7 mesi di crisi.
Peggiore di questa discesa fu la fase più acuta della crisi del 2008 quando il mercato italiano che passò da 20729 punti il 6/1/2009 a 12332 punti ( minimo di giornata del 9/03/2009. In quel caso l'indice italiano crollò del 41% in soli due mesi di tempo.  
Vedremo se il mercato avrà ancora voglia di scendere o se siamo vicini a dei minimi di lungo periodo. Guardando la situazione grafica e lo scenario macroeconomico mondiale il primo scenario appare per il momento più probabile....

Nessun commento:

Posta un commento