domenica 14 marzo 2010

Un'analisi degli ultimi 80 anni del Dow Jones

Oggi ho effettuato un analisi di lunghissimo periodo dei rendimenti del Dow Jones. In un articolo precedente avevo applicato un intervallo temporale di 216 giorni e avevo ipotizzato una correzione dell'indice attorno al 10%. In seguito tale ipotesi si era verificata a febbraio quando il listino americano si era portato sotto i 9900 punti. Oggi invece ho allargato l'intervallo temporale  portandolo a 255 giorni. Dal grafico si può notare che negli ultimi 80 anni rialzi di oltre il 62%, dove ci troviamo adesso (linea rossa), in tale intervallo temporale si sono verificati pochissime volte. In particolare solo nel 1933-1934 abbiamo assistito a rialzi maggiori, quando il listino riuscì a crescere anche del 150%. Lo scopo di questo grafico non è quello di prevedere il futuro o anticipare crolli ma è solo una analisi di ciò che è successo in passato. Ogni lettore trarrà le opportune conclusioni. Inutile dire che fare una previsione da qui all'anno prossimo è a dir poco un azzardo ma valuterei con occhi attenti l'andamento del mercato. Il trend per ora è largamente positivo ma non mi sorprenderebbe un inversione di tendenza nei prossimi mesi. 

1 commento:

  1. Il criminalissimo Paolo Barrai di Mercato ( che per lui dovrebbe essere in manette, e non ) Libero, e’ un deficiente incapace in tutto. Nel gennaio 2009 gli diedi 80.000 euro da gestire. A fine anno me ne ridiede 66.000 col mercato che e’ salito del 30 per cento. Mi fece andare short di Dow Jones nell`aprile 2009, e da li il mercato volo`. Mi fece andare short di euro, e l`euro schizzo`in su. Mi fece poi ancora andare short, a inizio novembre 2009 ( prima che se ne andasse in Brasile, Paolo Barrai, a riciclare un po’ di danari assassini della Ndrangheta, come lo stesso sempre fa), prima che i mercati volassero un’altra volta. Risultato? Nel 2009 mi fece perdere il 30 per cento dei miei risparmi, mentre tutti han guadagnato almeno il 70 per cento, in un anno del genere. Paolo Barrai di Mercato Libero e’ un cretino, un incapace in investimenti finanziari, un arrogante, un nazifascista, in razzista, un ladro, un idiota, un cocainomane, un pedofilo, uno con due figli, ma che si fa sodomizzare dai transessuali ogni notte. Lo odio, lo voglio vedere in rovina, sto razzista, pro apartheid, bastardo. Gli ho dato 80.000 euro, me ne avrebbe dovuto ridare almeno 110.000, me ne ha dati 66.000. Ora lo sporchero’ sul web come una pazza. Ho coniato questa piccola poesia per la merdaccia impregnata a morte, Paolo Barrai di Mercato Libero: ” Alla Ndrangheta sciacqui come una fontana, Paolo Barrai , sei un figlio di puttana”. Tina Maruzzella, una che giura vendetta infinita, al bastardo, pezzo di merda lurido, Paolo Barrai di Mercato Libero. Paolo Barrai ti rovinero’ per sempre a te, e a quell`altro mega riciclatore di cash della Camorra, a Londra, che e` il verme mafioso e come te, massone fascista Corrado Abbattista di Fenician Capital, tuo delinquente complice. Mi hai bruciato i risparmi di una vita, brutto cane, incapace, cretino, cocainomane, sodomizzato da transessuali, a raffica. E ora ti trascino in Tribunale, ladrone
    Tina Maruzzella

    RispondiElimina