lunedì 9 maggio 2011

I bond greci parlano chiaro...Atene non si salverà!

A volte un grafico parla più di mille parole... 
Questo grafico rappresenta l'andamento di una obbligazione Greca con scadenza 20/03/2024 che quest'oggi viene scambiata a 50,25 in calo del 5% da venerdì scorso.
Ai prezzi attuali questo bond rende l'11,4% netto, un rendimento che sconta probabilmente lo scenario peggiore per la Grecia. 
Come potete osservare i veri problemi ad Atene sono iniziati a novembre 2009 quando le quotazioni di questo bond sono iniziate a scendere sotto i 95 punti con un picco di volumi. Da quel momento la situazione è peggiorata giorno per giorno per poi diventare drammatica in queste ultime ore. 
Normalmente i prezzi delle obbligazioni variano attorno a 100-102 punti e un valore di 50 deve essere considerato estremamente allarmante. 
Dalla mia esperienza quanto si scende a questi livelli non c'è più niente da fare. 
Il 16 maggio forse si saprà il vero destino della Grecia ma il mercato ha già dato il suo responso. La Grecia non si salverà e le smentite fino all'ultimo minuto serviranno solo a non gettare nel panico i mercati finanziari e gli investitori di tutto il mondo. Vi ricordate cosa accadde con Lehman Brothers? Fino a 2 giorni dal fallimento tutti continuavano a dire che non sarebbe successo nulla e poi.....
A mio avviso, a questo punto, il minor male potrebbe essere una ristrutturazione del debito pubblico con un haircut del 30-35% del valore nominale del debito. Ulteriori terapie intensive della Ue ( con altri prestiti) servirebbero solo a prolungare l'agonia economica di questo paese. 
I mercati finanziari,quest'oggi tutti in deciso calo,  scontano queste tensioni e preoccupazioni. In questo momento il Ftse Mib scende dell'1,54% a quota 21615 punti. Vedremo come andrà a fine seduta.  

Nessun commento:

Posta un commento