sabato 3 dicembre 2011

La settimana della riscossa: Ftse Mib +11% in 5 sedute!

Con la chiusura di venerdì a quota 15476 punti ( +1,52%) l’indice Ftse Mib archivia una delle settimane migliori degli ultimi mesi. Nel giro di 5 sedute il listino milanese è stato in grado di recuperare quasi 2000 punti rispetto ai minimi di 13600 punti toccati venerdì scorso. Nell'ultima setttimana l’indice Milanese ha guadagnato l’11,04%, riducendo la perdita da inizio anno al 23,3%. Tra i titoli che si sono messi maggiormente in luce in questa settimana spiccano i titoli bancari, in particolare Banca Popolare dell’Emilia Romagna (+24,6%) e Intesa San Paolo (+20,3%).
Da un punto di vista grafico la situazione appare in deciso miglioramento in quanto l’indice si è riportato sopra la media mobile a 56 periodi (rappresentata dalla linea blu) e sembra essere pronto ad un rally di natale piuttosto sostanzioso. Anche l’oscillatore Macd (rappresentato al di sotto del grafico dei prezzi) ha fornito pochi giorni fa un chiaro segnale rialzista, (incrocio rialzista della linea verde con quella rossa), segnalando al mercato l’intenzione rialzista degli operatori.


Probabilmente ci sarà qualche presa di beneficio all’inizio della prossima settimana ma è probabile che il trend rialzista possa proseguire fino ai 16000 punti ed eventualmente fino a 16500 punti già entro venerdì prossimo.
Da un punto di vista macro i mercati sembrano credere al piano salva euro che dovrà essere definito durante il Consiglio Europeo del prossimo 9 dicembre.
Non a caso lo spread tra titoli di stato italiani e tedeschi a 10 anni si è ridotto a 455 punti, dopo il picco di 575 punti toccati qualche settimana fa, prima dell’arrivo del nuovo governo Monti.

Per quanto riguarda l’America la situazione macroeconomica sembra essere meno grave del previsto: in base agli ultimi dati disponibili il tasso di disoccupazione e' sceso dal 9% all'8,6%, ai minimi da marzo 2009, secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro a Washington. Infatti  durante il mese scorso, gli Stati Uniti hanno creato 120 mila posti di lavoro, con piu' della meta' delle assunzioni che sono avvenute nel settore delle vendite al dettaglio e delle agenzie interinali.
Questo è sicuramente un segnale incoraggiante sul reale stato dell’economia americana e potrebbe aiutare anche a rasserenare le tensioni sui mercati dettate dalla crisi dell’area euro.
A riguardo, lunedì 5 dicembre si saprà qualcosa di più preciso, quando, Nicolas Sarkozy, e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, si incontreranno a Parigi per presentare ufficialmente le loro proposte per un nuovo trattato europeo con la speranza che i mercati possano accogliere al meglio tali proposte.

2 commenti:

  1. Questo rialzo dell'11 % non ha alcun senso se non quello di evidenziare ancora una volta come sia possibile manipolare in modo scandaloso i Mercati.

    RispondiElimina
  2. An impressive share! I've just forwarded this onto a coworker who had been conducting a little homework on this. And he in fact bought me lunch because I discovered it for him... lol. So let me reword this.... Thanks for the meal!! But yeah, thanx for spending some time to discuss this matter here on your internet site.

    Also visit my blog post: registry cleaner review

    RispondiElimina