martedì 21 febbraio 2012

Il Dow jones tocca i 13000 punti ma poi scende


Sono passati 4 anni dall'ultima volta che il Dow Jones aveva toccato i 13000 punti e quest'oggi questo momento tanto atteso dai trader di Wall Street è finalmente arrivato. Tuttavia nel giro di pochi minuti il clima di euforia è improvvisamente cambiato e il Dow Jones è sceso di quasi 90 punti nella successiva ora lasciando qualche dubbio sulla possibile prosecuzione di questo rally nel breve periodo. 
A fine seduta il principale listino americano ha recuperato terreno e ha chiuso l'ennesima giornata in territorio positivo a quota 12966 punti in rialzo dello 0,12%. 
Va sottolineato che dai minimi del 4 ottobre 2011 l'indice americano è salito del 25% passando da 10400 punti ai 13000 punti odierni. Inoltre nelle ultime sedute i vari oscillatori iniziano a segnalare una preoccupante fase di ipercomprato che raramente si è verificata in passato (parliamo di 2-3%). 


Ad esempio si può osservare che il Roc % a 133 giorni ha raggiunto un valore che è stato toccato solo l'8 marzo del 2011 e precedentemente nei giorni precedenti al flash crash di maggio 2010 (http://thebesttrader.blogspot.com/2010/05/paura-wall-street.html). A mio avviso il mercato americano è in questo momento un po' troppo euforico e non sarei sorpreso da dei violenti cali anche nell'ordine del 3-4% in poche sedute. In tal senso i primi target ribassisti potrebbero trovarsi a quota 12750 punti e successivamente a 12500 e 12250 punti dove transita un importante supporto statico di lungo periodo. 


1 commento:

  1. Perchè eufotria ? Dopo tutta questa tempesta un pò di ottimismo porterebbe dei benefici !!!

    Il mondo va avanti ...... SEMPRE !!!!

    NEL BENE O NEL MALE

    VITTORIO

    RispondiElimina